Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Prossimi Eventi

Programma 2020

 

                                                                                                                        

“L’Umbria dei grandi cicli pittorici ”

 

Un anno dedicato ai grandi cicli pittorici realizzati nella nostra Regione e non solo. Un viaggio attraverso i secoli, durante il quale, come sfogliando un libro di storia dell’arte, ripercorreremo le tappe fondamentali della pittura a fresco. Dai grandi cicli del Trecento legati ancora ad un intento didascalico, passeremo alle testimonianze del Quattrocento e del Cinquecento, quando ai soggetti religiosi iniziarono ad affiancarsi e, a volte fondersi, tematiche filosofiche e laiche. Approderemo così ai secoli successivi quando a far uso della pittura ad affresco saranno anche le ricche famiglie aristocratiche, le quali, attraverso soggetti profani e mitologici, impreziosiranno le loro dimore in maniera straordinaria, divenendo mecenati di un’arte colta e raffinata. 

 

 

7 MARZO: Geometrie di luce e prospettiva nella pittura di Benozzo Gozzoli a Montefalco

La chiesa di San Francesco, vero scrigno di arte, ci accoglierà con i suoi tanti e meraviglisi affreschi che raccontanto la storia millenaria di questo complesso architettonico. Tra le opere lo splendido e innovativo ciclo dedicato alla vita di San Francesco, realizzato dall’artista fiorentino Benozzo Gozzoli, allievo di Beato Angelico. Un capolavoro di luce e prospettiva che l’artista realizzò nel piccolo centro umbro a metà del ‘400. Un’occasione per scoprire anche le cantine del convento che conservano una collezione di strumenti legati alla produzione del famoso “Sagrantino”.

21 MARZO:  Arte e Segreti  di un antico mestiere: Deruta e i suoi ceramisti

Il Museo Regionale della Ceramica di Deruta è il più antico museo italiano  per la ceramica; istituito nel 1898, conserva oltre 6000 opere ed è ospitato nel complesso conventuale di San Francesco. Un’occasione per scoprire la storia della famosa “maiolica”, che rese celebre già nel Mediovo il piccolo borgo di Deruta, e per fare un excursus storico-artistico tra piatti, vasi pregiati ed oggetti molto curiosi che seguono la moda e lo stile pittorico del tempo. Tappa della visita dedicata all’arte e alle tradizioni di Deruta sarà la Chiesa della Madonna dei Bagni, unica nel suo genere per le targhe votive che custodisce.

4 APRILE: Tra sacro e profano: Perugino e la decorazione del Collegio del Cambio

Un magnifico ciclo di affreschi impreziosisce ancora oggi l’antica sede dei cambiavalute di Perugia. Un luogo splendido, posto nel cuore della Perugia civile e politica: a pianoterra di Palazzo dei Priori. Esempio della più colta pittura rinascimentale, le immagini sono una sintesi di quel perfetto connubio che agli inizi del Cinquecento si compì tra i soggetti religiosi e quelli filosofici e profani. Un ciclo dove il Perugino seppe dare prova della sua più compiuta abilità e bravura e dove, probabilmente, mosse i primi passi un giovane Raffaello. 

MAGGIO: Villa Fabri a Trevi: gli splendori di un mecenatismo di provincia

Ad accoglierci per questa visita sarà Trevi con la bellissima Villa Fabri, inaugurata nel 1603 da Girolamo Fabri “ per sollievo della sua vecchiaia, a gioia dei posteri e del paese ”. Posta nelle vicinanze della porta di ingresso al borgo, in una splendida posizione panoramica sulla Valle Umbra, la Villa passò più volte di proprietà, fino a divenire sede, prima del Collegio Boemo romano e poi del Pontificio Collegio Etiopico, la cui presenza ancora oggi è testimoniata dai monocromi in facciata e dalla affascinante cappella riccamente dipinta.

23 MAGGIO:  Raffaello in mostra alle Scuderie del Quirinale

Una grande mostra monografica, con oltre duecento capolavori tra dipinti, disegni ed opere di confronto, dedicata a Raffaello Sanzio, genio del Rinascimento, nel cinquecentenario della sua morte, avvenuta a Roma il 6 aprile 1520 all'età di appena 37 anni. La mostra si terrà alle Scuderie del Quirinale di Roma dal 5 marzo al 2 giugno 2020. In occasione della mostra, è stato raccolto un vastissimo corpus di opere di mano di Raffaello: oltre 100, tra dipinti e disegni, per una raccolta di creazioni dell'urbinate mai viste al mondo in così gran numero tutte insieme. Non potevamo perdere l’occasione di visitarla! Manderemo locandina e dettagli prossimamente, intanto SAVE THE DATE!

GIUGNO: Il suono della natura e il silenzio della fede

Una passeggiata storico naturalistica ci porterà alla scoperta del sentiero che collega il paese di Pale al Santuario di Santa Maria Giacobbe, uno dei tanti santuari di frontiera posto sulla montagna folignate.L’intero complesso è inserito in parte in una cavità naturale del monte che lo sovrasta, inserendosi perfettamente nell’ambiente che lo circonda. L’interno conserva ancora numerosi affreschi di tipo devozionale  e decorativo molto suggestivi e interessanti da un punto di vista iconografico.

 

EVENTUALI EVENTI AGGIUNTIVI VI VERRANNO COMUNICATI TEMPESTIVAMENTE

Vi aspettiamo numerosi!

Info e prenotazioni:   www.leviedellarte.eu \ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 328-8710625 – 338-1483226